L'avvento del digitale ha letteralmente cambiato metodi di lavoro e strutture organizzative di molte aziende. La gestione delle fatture elettroniche→ in particolare ha costretto molti professionisti e imprese a organizzarsi per gestire i nuovi documenti digitali.

Ovviamente nel mondo del lavoro, e non solo, la gestione in contemporanea di documenti informatici e documenti cartacei esiste da tempo. Negli ultimi anni, però, per migliorare soprattutto la gestione dell'archiviazione dei documenti a norma di legge→, si è dovuti ricorrere alla dematerializzazione documentale, per evitare di far letteralmente soccombere molti archivi cartacei.

Volete poi mettere la differenza e la facilità con cui si possono consultare gli archivi digitali rispetto a un classico, vecchio e polveroso archivio cartaceo? Non c'è paragone, assolutamente.

Una delle figure chiave entrate in gioco in questa ristrutturazione organizzativa aziendale è sicuramente il Responsabile della conservazione sostitutiva, ossia quel processo che ci permette di conservare i documenti in formato digitale, sia quelli cartacei che vengono quindi dematerializzati, sia quelli nati digitali.

 

Chi è il Responsabile della conservazione?

Questa (relativamente) nuova figura viene regolamentata dal DPCM 3 dicembre 2013→, all'interno del quale vengono ben definiti questi principi:

  • I ruoli del Responsabile dell conservazione
  • Le sue responsabilità
  • Il processo di conservazione

All'interno del DPCM è anche specificato che la conservazione sostitutiva può essere svolta all'interno della struttura che crea i documenti digitali e dematerializzati oppure può anche essere esternalizzata per fare conservazione sostitutiva in outsourcing→.

 

Il ruolo del responsabile della conservazione

Il ruolo creato per il responsabile della conservazione è quello di definire la struttura del processo di conservazione e far si che vengano messe in atto tutte le regole per l’archiviazione e la gestione documentale a norma di legge.

Sempre a proposito di legge, il suo ruolo è obbligatorio ove si decida di fare conservazione sostitutiva.
Nel caso della Pubblica Amministrazione questo ruolo è assegnato a un dirigente della stessa mentre, in caso di aziende, il Responsabile della conservazione può essere:

  • Un collaboratore interno (dipendente, socio, amministratore).
  • Un collaboratore esterno (conservazione sostitutiva in outsourcing con delega).

 


Cerchi un partner che gestisca per te la conservazione dei tuoi documenti digitali aziendali, il tutto in totale sicurezza? Eccoci!

PARLIAMONE A VOCE

 


Che compiti ha il responsabile della conservazione?

Tutto quello che occorre sapere sul Responsabile della conservazione lo possiamo trovare nell'articolo 7 del D.P.C.M. 3 dicembre 2013. In particolare nel comma 1 troveremo definiti i suoi compiti.

Ecco un breve estratto del comma 1:

  1. Il responsabile della conservazione opera d’intesa con il responsabile del trattamento dei dati personali, con il responsabile della sicurezza e con il responsabile deisistemi informativi che, nel caso delle pubbliche amministrazioni centrali, coincide con il responsabile dell’uffi cio di cui all’art. 17 del Codice, oltre che con il responsabile della gestione documentale ovvero con il coordinatore della gestione documentale ove nominato, per quanto attiene alle pubbliche amministrazioni.

In particolare il responsabile della conservazione:

a) definisce le caratteristiche e i requisiti del sistema di conservazione in funzione della tipologia dei documenti da conservare, della quale tiene evidenza, in conformità alla normativa vigente;

b) gestisce il processo di conservazione e ne garantisce nel tempo la conformità alla normativa vigente;

c) genera il rapporto di versamento, secondo le modalità previste dal manuale di conservazione;

d) genera e sottoscrive il pacchetto di distribuzione con firma digitale o firma elettronica qualificata, nei casi previsti dal manuale di conservazione;

e) effettua il monitoraggio della corretta funzionalità del sistema di conservazione;

f) assicura la verifica periodica, con cadenza non superiore ai cinque anni, dell’integrità degli archivi e della leggibilità degli stessi;

g) al fine di garantire la conservazione e l’accesso ai documenti informatici, adotta misure per rilevare tempestivamente l’eventuale degrado dei sistemi di memorizzazione e delle registrazioni e, ove necessario, per ripristinare la corretta funzionalità; adotta analoghe misure con riguardo all'obsolescenza dei formati;

h) provvede alla duplicazione o copia dei documenti informatici in relazione all'evolversi del contesto tecnologico, secondo quanto previsto dal manuale di conservazione;

i) adotta le misure necessarie per la sicurezza fisica e logica del sistema di conservazione ai sensi dell’art. 12;

j) assicura la presenza di un pubblico ufficiale, nei casi in cui sia richiesto il suo intervento, garantendo allo stesso l’assistenza e le risorse necessarie per l’espletamento delle attività al medesimo attribuite;

k) assicura agli organismi competenti previsti dalle norme vigenti l’assistenza e le risorse necessarie per l’espletamento delle attività di verifica e di vigilanza;

l) provvede, per gli organi giudiziari e amministrativi dello Stato, al versamento dei documenti conservati all'archivio centrale dello Stato e agli archivi di Stato secondo quanto previsto dalle norme vigenti;

m) predispone il manuale di conservazione di cui all'art. 8 e ne cura l’aggiornamento periodico in presenza di cambiamenti normativi, organizzativi, procedurali o tecnologici rilevanti.

 

Il manuale della conservazione sostitutiva

Uno dei compiti del Responsabile Conservazione è quello di redigere e mettere in atto le regole operative che vengono definite nel Manuale della Conservazione, documento informatico obbligatorio che contiene l'intera organizzazione del processo di conservazione, la descrizione delle infrastrutture e dell'architettura informatica, inclusi i sistemi di sicurezza, i nominativi delle persone coinvolte nell'intero processo e i loro ruoli operativi.

 

Il responsabile della conservazione e le altre figure aziendali

Ma questo povero responsabile deve fare tutto da solo o può avvalersi di altre fidate persone che collaborano con lui nella gestione del processo di conservazione sostitutiva?
La risposta è ovviamente no, questa figura può essere affiancato da altre importanti figure, anche queste definite nell'articolo 7 del D.P.C.M. 3 dicembre 2013.

Queste figure sono:

  • Il responsabile del trattamento dei dati personali.
  • Il responsabile della sicurezza.
  • Il responsabile dei sistemi informativi.
  • Il responsabile della gestione documentale.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra Newsletter!

Vuoi conoscere altro su questo argomento? Leggi gli articoli correlati.