L'aumento delle transazioni, dei contratti e in generale dello spostamento di documenti importanti in via digitale ha fatto nascere esigenze tutte nuove: tra le più importanti c'è la sicurezza di questi movimenti.

Si è reso necessario introdurre metodi certi di autentificazione e identificazione nelle attività online, tramite enti accreditati che possano supervisionare e certificare ogni singolo passaggio. 

 

Servizi fiduciari digitali: la definizione 

Facciamo riferimento (come spesso accade in questo ambito) al Regolamento UE n. 910/2014->detto eIDAS; un testo redatto proprio per fornire normative comunitarie condivise. 

L'eIDAS stabilisce una definizione di servizi fiduciari (digitali)->: afferma che questi ultimi si occupano della creazione, verifica e convalida di molte autenticazioni informatiche esistenti, come firme elettroniche, sigilli elettronici, validazioni temporali elettroniche, servizi elettronici di recapito certificato 

Insomma, il servizio fiduciario digitale fornisce irrinunciabili garanzie su ogni forma di autenticazione informaticaInoltre, oggi adeguarsi a questo meccanismo significa adeguarsi alle normative vigenti: un atto importante non può venire recapitato, un movimento non può venire completato, se non è dotato di elementi quali firme digitali e marche temporali. 

Attributi per cui è obbligatorio riferirsi al servizio fiduciario. 

 

Le utilità del servizio fiduciario 

Dopo aver definito il servizio fiduciario digitale, scaviamo più in profondità per scoprire quali utilità ci fornisce. Il regolamento eIDAS ha infatti stabilito una serie di elementi fondamentali che il documento informatico-> deve possedere e che vengono garantiti dai servizi fiduciari: 

  • Identificazione e autenticazione digitale durante la navigazione, per garantire all'utente l'identità univoca nonché appartenente al legittimo proprietario; 
  • Apposizione della firma elettronica su un documento, per garantire l'identità del firmatario e mittente di un atto importante; 
  • Apposizione del sigillo elettronico su un documento, per garantire l'integrità e l'immodificabilità dei dati contenuti nel documento; 
  • Apposizione della marca temporale su un documento, per certificare l'esatta data e ora di emissione del documento. 

 

I prestatori di servizi fiduciari 

Per erogare queste garanzie, il prestatore di servizi fiduciari digitali deve essere riconosciuto dagli enti nazionali competenti (nel nostro paese l'AgID, Agenzia per l'Italia Digitale).

Ciò accade solo se rispetta le linee del regolamento eIDAS, e se fornisce servizi dall'elevata sicurezza e qualità. In tal caso, il prestatore diventa ufficialmente un servizio fiduciario qualificato, e può esporre il marchio di fiducia dell'Unione Europea – un lucchetto con al centro le stelle della Comunità e un segno di verifica.

Le specifiche per l'approvazione sono disponibili nel Regolamento di Esecuzione->. 

Per ricevere i servizi di firma digitale, marca temporale, PEC e altro ancora, è perciò necessario rivolgersi ai prestatori di servizio fiduciario qualificato (qui la lista aggiornata-> dell'AgID), o a chi collabora con essi.

Il contatto con degli specialisti del settore rende più semplice la richiesta delle garanzie, e consente anche di trovare soluzioni più integrate per le aziende. Ardesia, ad esempio, lavora in collaborazione con Infocert (tra i più attivi in Italia).

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra Newsletter!

Vuoi conoscere altro su questo argomento? Leggi gli articoli correlati.