Coordinare il loro traffico richiede tempo e risorse umane. Bisogna organizzare la loro conservazione, smistare i faldoni e gestire lo spazio in azienda. Ma, c'è un ma... 
Da quest'anno infatti il documento diventa digitale, la fattura diventa elettronica e 4 mura di archivio sono solo 4 clic per la conservazione sostitutiva. E i costi di gestione delle fatture si possono trasformare in un risparmio.

Eppure sono ancora tante le domande a riguardo. Come funziona nel dettaglio tutto il processo? Le fatture elettroniche, visto che sono documenti digitali, devono essere conservate a norma? E come? C'è il rischio di emettere una fattura errata? Se sì, quali sono le conseguenze in caso di errore?

 

Scarica la guida per evitare gli errori più comuni  nella fatturazione elettronica.

 Gli step per fatturare in digitale:

⦁ le aziende devono avere un codice destinatario (assegnato dall’Agenzia delle Entrate), oppure possono anche usare un servizio in outsourcing per la ricezione e per l’invio dei documenti,
⦁ ogni azienda deve trasmettere all’Agenzia delle Entrate il proprio indirizzo telematico (codice destinatario o indirizzo PEC) per avere la certezza di ricevere le fatture sul canale xml corretto,
⦁ occorre poi creare una lista in cui inserire tutti i codici destinatario e gli indirizzi di posta certificata dei vari clienti: una sorta di database con tutti i dati necessari per trasmettere e ricevere,
⦁ l’azienda deve poi gestire i dati tramite sistemi gestionali in grado di raccogliere dati specifici al fine della fatturazione elettronica b2b e della generazione dell’xml,
⦁ ogni processo deve essere gestito da un software capace di effettuare il sistema di interscambio,
⦁ per quanto riguarda la conservazione, l’azienda deve scegliere se internamente oppure affidarsi a fornitori esterni.

Il nuovo anno quindi ha portato dentro le aziende cambiamenti radicali nel modo di generare, trasmettere, gestire e conservare le fatture. Cambia il materiale, non il traffico. Il file elettronico sostituisce la carta. Ma continua ad alimentare i flussi tra la tua azienda, i fornitori, i clienti e ora anche il Sistema di Interscambio (SdI). Quest'ultimo è il punto di passaggio obbligato di tutte le fatture elettroniche, per tutte le aziende. Anche la tua. Il nostro software ha un canale accreditato per collegarsi direttamente al sistema gestito dall’Agenzia delle Entrate e liberarti da tutti gli obblighi che la tua azienda dovrà adempiere.

Con la nostra guida è possibile fare chiarezza in questo mare magnum di informazioni che si rincorrono dentro e fuori dal web. In questo modo potrai affrontare la fatturazione elettronica obbligatoria in maniera efficace e veloce, riuscendo così a migliorare la tua routine lavorativa. 

Leggendo la nostra guida scoprirai come riuscire a evitare gli errori più comuni e capirai inoltre perché è meglio affidarsi a un software gestionale per affrontare la fatturazione elettronica obbligatoria. 

Qualora volessi chiederci maggiori informazioni o non ti fosse chiaro qualche passaggio, i nostri tecnici saranno a tua disposizione per aiutarti. Per noi è importante essere di supporto in ogni momento. 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra Newsletter!

Vuoi conoscere altro su questo argomento? Leggi gli articoli correlati.